Chirurgia toracica
VATS Symposium
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Aumento del rischio di frattura del femore atipico con l'uso prolungato dei bifosfonati nelle donne con osteoporosi


Rispetto alle donne bianche con osteoporosi, è stato riscontrato che le donne asiatiche con osteoporosi hanno un rischio più elevato di frattura atipica del femore con un uso prolungato dei bifosfonati.
È stato riscontrato che il rischio di frattura atipica del femore aumenta con la più lunga durata dell'uso dei bifosfonati nelle donne con osteoporosi.
Tuttavia, è stato notato che il rischio assoluto di fratture atipiche del femore rispetto alla riduzione delle fratture dell'anca e osteoporotiche era basso con il trattamento con bifosfonati.

Mentre i bifosfonati riducono efficacemente il rischio di fratture dell'anca e osteoporotiche, precedenti ricerche hanno indicato che questi farmaci aumentano il rischio di fratture atipiche del femore.
Uno studio ha cercato di caratterizzare il profilo rischio-beneficio dei bifosfonati nelle donne con osteoporosi.

Sono state arruolate donne di 50 anni di età o maggiore che erano operatori sanitari del Kaiser Permanente della California meridionale.
Le donne che avevano ricevuto almeno 1 prescrizione di bifosfonato orale o endovenoso per l'osteoporosi erano eleggibili per l'inclusione nello studio.
Il periodo di follow-up ha riguardato il periodo 2007-2017.
I fattori demografici e clinici sono stati estratti dalle cartelle cliniche elettroniche.

L'endpoint primario era la frattura atipica del femore.

Il profilo rischio-beneficio dei bifosfonati è stato modellato confrontando il numero di fratture atipiche associate ai bifosfonati con il numero di altre fratture prevenute entro 10 anni di utilizzo dei bifosfonati.

La coorte ha riguardato 196.129 donne. La distribuzione razziale / etnica era del 53.3% bianchi, 24.0% ispanici, 13.5% asiatici, 5.9% neri e 3.3% altro o sconosciuto.

Durante il periodo di follow-up sono state osservate 277 fratture atipiche, con un tasso di incidenza cumulativo di 1.74 fratture per 10.000 pazienti-anno.

L'incidenza di fratture atipiche è aumentata con la maggiore durata dell'uso dei bifosfonati. Rispetto a 0-0.25 anni di utilizzo dei bifosfonati, gli hazard ratio ( HR ) aggiustati per fratture atipiche da 3 a meno di 5 anni, da 5 a meno di 8 anni e a 8 o più anni di utilizzo sono stati, rispettivamente, pari a 8.86 ( IC 95%, 2.79-28.20 ), 19.88 ( IC 95%, 6.32-62.49 ) e 43.51 ( IC 95%, 13.70-138.15).
Il rischio di fratture atipiche è diminuito con l'aumento del tempo trascorso dall'interruzione del bifosfonato.

Rispetto alle donne che ne facevano uso corrente o che avevano interrotto l'assunzione di bifosfonati da meno di 3 mesi, le donne con un intervallo compreso tra più di 0.25 e 1.25 anni, meno di 1.25 e 4 anni e più di 4 anni dall'ultimo uso dei bifosfonati avevano, rispettivamente, un hazard ratio di 0.52 ( IC 95%, 0.37-0.72), 0.21 ( IC 95%, 0.13-0.34 ), 0.26 ( IC 95%, 0.14-0.48 ) e 0.09 ( IC 95%, 0.01-0.83 ).

Rispetto alle donne bianche, le donne asiatiche presentavano un rischio significativamente maggiore di fratture atipiche ( HR=4.84; IC 95%, 3.57-6.56 ), dopo aggiustamenti per età, durata dell'uso, fumo, indice di massa corporea ( BMI ) e uso di glucocorticoidi.

Dopo 3 anni di utilizzo dei bifosfonati, tra le donne bianche sono state prevenute 149 fratture dell'anca.
Inoltre, nelle donne bianche sono state osservate 2 fratture atipiche associate ai bifosfonati, indicando un profilo rischio-beneficio favorevole.

Dopo 10 anni, il rapporto è rimasto favorevole: 591 fratture dell'anca prevenute contro 38 fratture atipiche osservate.

Il profilo rischio-beneficio era favorevole tra le donne asiatiche a 3 anni, anche se il rapporto era inferiore: 91 fratture dell'anca prevenute contro 8 fratture atipiche.
Tuttavia, entro 10 anni, il numero di fratture atipiche ( n=236 ) era solo leggermente inferiore al numero di fratture prevenute ( n=360 ), suggerendo un profilo rischio-beneficio meno favorevole.

Tra le donne ispaniche, il rapporto rischio-beneficio era intermedio. Tra le donne di colore, sono state osservate troppo poche fratture atipiche per poter valutare i rischi e i benefici.

In conclusione, il rischio assoluto di frattura atipica del femore è rimasto molto basso rispetto alla riduzione del rischio di fratture dell'anca e di altre fratture con il trattamento a base di bifosfonati. ( Xagena2020 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2020

Orto2020 Endo2020 Farma2020


Indietro