Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Fattori di rischio associati alla revisione per infezione di protesi articolare dopo la sostituzione dell'anca


Il rischio di infezione della protesi articolare ( PJI ) è influenzato da fattori del paziente, fattori chirurgici e sanitari.
Le prove esistenti si basano sul follow-up a breve termine, senza distinzione tra i fattori associati ad esordio precoce causato dall'intervento primario da quelli associati ad esordio tardivo più probabilmente derivanti da una diffusione ematogena.
Sono state valutate le associazioni complessive e temporali di questi fattori con il rischio di revisione causata da infezione della protesi articolare dopo sostituzione dell'anca totale primaria.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte osservazionale analizzando 623.253 procedure di sostituzione dell’anca primaria eseguite tra il 2003 e il 2013 in Inghilterra e nel Galles, ed è stato registrato il numero di procedure riviste a causa di infezione della protesi articolare.
Sono state studiate le associazioni tra fattori di rischio e rischio di revisione per infezione della protesi articolare durante tutto il periodo di follow-up e sono state riesaminate le associazioni per periodi di tempo post-operatorio ( 0-3 mesi, 3-6 mesi, 6-12 mesi, 12-24 mesi, più di 24 mesi ).

Sono state successivamente riviste 2.705 ​​procedure primarie per un'indicazione di infezione della protesi articolare tra il 2003 e il 2014, dopo un follow-up mediano di 4.6 anni.
Tra i fattori associati a un aumento della revisione dovuto all'infezione della protesi articolare vi era il sesso maschile ( 1.462 su 1.237.170 anni-maschio, 1.2 ‰. vs 1.243 su 1.849.691 anni-femmina, 0.7 ‰; rate ratio 1.7 ), l'età più giovane ( 739 su 688.000 anni-persona con meno di 60 anni vs 242 su 387.049 anni-persona, 0.6‰, con 80 anni e oltre; 0.7 ), un elevato indice di massa corporea ( BMI; 941 di 517.278 anni-persona, 1.8‰, con un BMI maggiore o uguale a 30 kg/m2 vs 272 di 297.686 anni-persona, 0.9‰, con un BMI inferiore a 25 kg/m2; 1.9 ), il diabete ( 245 di 178.381 anni-persona, 1.4‰, con diabete vs 2.120 di 2.209.507 anni-persona, 1.0‰, senza diabete; 1.4 ), la demenza ( 5 su 497 anni-persona, 10.1‰, con demenza a 3 mesi vs 311 di 120.850 anni-persona, 2.6‰, senza demenza; 3.8 ), precedente artrite settica ( 22 di 3.055 anni-persona, 7.2‰, con precedente infezione vs 2.683 di 3.083.806 anni-persona, 0.9‰, senza precedente infezione; 6.7 ), il collo del femore fratturato ( 66 di 43.378 anni-persona, 1.5‰, operati per un collo del femore fratturato vs 2.639 di 3.043.483 anni-persona, 0.9‰, senza collo del femore fratturato: 1.8 ); e uso dell'approccio chirurgico laterale ( 1.334 di 1.399.287 anni-persona, 1.0‰, per approccio laterale vs 1.242 di 1.565.913 anni-persona, 0.8‰, per approccio posteriore; 1.3 ).

L'uso di cuscinetti di ceramica piuttosto che di metallo è stato associato a un ridotto rischio di revisione per infezione della protesi articolare ( 94 di 239.512 anni-persona, 0.4‰, con cuscinetti di ceramica su ceramica vs 602 di 1.114.239 anni-persona, 0.5‰, con cuscinetti metallo su polietilene a 24 mesi e oltre, RR 0.6 e 82 su 190.884 anni-persona, 0.4‰, con cuscinetti ceramica su polietilene vs cuscinetti metallo su polietilene a 24 mesi e oltre; 0.7 ).

La maggior parte di questi fattori ha avuto effetti specifici nel tempo. Il rischio di revisione per infezione della protesi articolare è stato marginalmente influenzato o non-influenzato dal grado del chirurgo operativo, dall'assenza di un chirurgo consulente durante l'intervento chirurgico e dal volume delle procedure eseguite dall'ospedale o dal chirurgo.

Diversi fattori modificabili e non-modificabili sono associati al rischio di revisione per infezione della protesi articolare dopo la sostituzione dell'anca primaria.
L'identificazione di fattori modificabili, l'uso di interventi mirati e la modulazione benefica di alcuni di questi fattori potrebbero essere efficaci nel ridurre l'incidenza di infezione della protesi articolare.
È importante che i clinici prendano in considerazione i fattori non-modificabili e i fattori che mostrano effetti specifici nel tempo sul rischio di infezione della protesi articolare per consigliare i pazienti in modo appropriato prima dell'intervento. ( Xagena2018 )

Lenguerrand E et al, Lancet Infectious Diseases 2018; 18: 1004-1014

Inf2018 Orto2018 Chiru2018



Indietro