Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Rischio di fratture successive nelle donne in postmenopausa dopo fratture non-traumatiche o traumatiche


L'onere delle fratture tra le donne in postmenopausa è elevato. Sebbene le fratture non traumatiche siano forti fattori di rischio per future fratture, le attuali linee guida cliniche non affrontano le fratture traumatiche.

Si è determinato come varia il rischio di frattura futura a seconda che una frattura iniziale sia traumatica o non-traumatica.
È stato condotto uno studio osservazionale prospettico utilizzando i dati del Women's Health Initiative Study ( WHI; iscrizione, 1994-1998; analisi dei dati, 2020-2021 ), che ha arruolato donne in postmenopausa di età compresa tra 50 e 79 anni al basale presso 40 centri clinici statunitensi.

Il WHI Clinical Trials and WHI Bone Density Substudy, condotto in 3 centri clinici, ha chiesto alle partecipanti di segnalare il meccanismo delle fratture incidenti.
Delle 75.335 partecipanti, le informazioni relative alla frattura incidente e alle covariate erano disponibili per 66.874 ( 88.8% ), che costituivano il campione analitico di questo studio.
Il follow-up medio è stato di 8.1 anni.

Le fratture cliniche incidenti sono state auto-segnalate almeno una volta all'anno e confermate utilizzando le cartelle cliniche.
Le partecipanti hanno riportato il meccanismo della frattura incidente come traumatico o non-traumatico.

Tra i 66.874 partecipanti al campione analitico ( età media, 63.1 anni e 65.3 anni tra le donne senza e con frattura clinica, rispettivamente ), 7.142 partecipanti ( 10.7%) hanno subito fratture incidenti durante il periodo di follow-up. L'hazard ratio aggiustato ( aHR ) della frattura successiva dopo la frattura iniziale era 1.49.

. Tra le donne la cui frattura iniziale era traumatica, l'associazione tra frattura iniziale e frattura successiva era significativamente aumentata ( aHR, 1.25 ).
Tra le donne con frattura iniziale non-traumatica, anche l'associazione tra frattura iniziale e successiva frattura è risultata aumentata ( aHR, 1.52 ).
Gli intervalli di confidenza per le associazioni tra frattura iniziale e successiva frattura si sovrapponevano per gli strati di frattura iniziale traumatica e non-traumatica.

In questo studio di coorte, tra le donne in postmenopausa di età superiore ai 50 anni, la frattura è stata associata a un rischio maggiore di fratture successive indipendentemente dal fatto che la frattura fosse traumatica o non-traumatica.
Questi risultati hanno indicato che la valutazione clinica dell'osteoporosi dovrebbe includere sia le fratture ad alto trauma che quelle a basso trauma. ( Xagena2021 )

Crandall CJ et al, JAMA Intern Med 2021; 181: 1055-1063

Orto2021 Gyne2021



Indietro